La Repubblica Popolare Cinese impone la lingua cinese anche nella Mongolia Interna

Notitias sur micronazionalismo, independentismo e secessionismo
Rispondi
Emanuele Spikas
Imperator
Imperator
Messaggi: 636
Iscritto il: 02/12/2018, 17:11

La Repubblica Popolare Cinese impone la lingua cinese anche nella Mongolia Interna

Messaggio da Emanuele Spikas » 29/07/2020, 18:26

Le autorità della Repubblica Popolare Cinese hanno annunciato che da settembre nelle scuole elementari e medie della Mongolia Interna (in realtà per i mongoli è la Mongolia Meridionale) sarà obbligatorio l'insegnamento in cinese.
Durante la pandemia di COVID-19 il Partito Comunista Cinese aveva annunciato la sospensione dei corsi in lingua mongola ma ha stabilito ora che non verranno più ripresi.
Prosegue dunque il genicidio etnico e culturale messo in atto dalla Repubblica Popolare Cinese nella Mongolia Interna.
Ultima modifica di Emanuele Spikas il 02/09/2020, 7:25, modificato 1 volta in totale.

Emanuele Spikas
Imperator
Imperator
Messaggi: 636
Iscritto il: 02/12/2018, 17:11

Re: La Repubblica Popolare Cinese impone la lingua cinese nella Mongolia Interna

Messaggio da Emanuele Spikas » 02/09/2020, 7:25

Molti mongoli, in particolare studenti e loro genitori stanno protestando per il nuovo passo verso il genocidio culturale da parte della dittatura comunista cinese. Quest'ultima sta infatti imponendo il mandarino (putonghua), la lingua dell'etnia cinese predominante ovvero gli Han, e vietando l'insegnamento nelle altre lingue.
Da precisare che l'imposizione colpisce anche gli idiomi delle altre "minoranze" tra cui quella tibetana, quella coreana e quella uigura.
Il regime cinese ha, come di consueto, iniziato la repressione con arresti e censura.

Emanuele Spikas
Imperator
Imperator
Messaggi: 636
Iscritto il: 02/12/2018, 17:11

Re: La Repubblica Popolare Cinese impone la lingua cinese anche nella Mongolia Interna

Messaggio da Emanuele Spikas » 19/09/2020, 12:28

La Repubblica Popolare Cinese ha arrestato 5000 mongoli meridionali che protestavano contro l'imposizione della lingua cinese. Molti sono stati internati nei campi di concentramento cinesi (che lo stato denomina "centri di educazione giuridica").
9 persone si sino suicidate in segno di protesta.

Rispondi